Gruppo C&C

 

Segnala la struttura
dove pratichi
il parto indolore

Sito a carattere
divulgativo
sul parto indolore


Un parto spontaneo con parto analgesia richiede più sorveglianza e disponibilità di un parto spontaneo "con dolore".

La collaborazione tra il ginecologo, l'ostetrica e l'anestesista deve essere totale.

Quando il travaglio è avviato l'anestesista aspetta il "via" del ginecologo per iniziare la somministrazione dei farmaci. Ginecologo ed ostetrica devono sempre indicare l'esatta fase del parto e gli eventuali problemi ostetrici all'anestesista.

L’analgesia epidurale può essere ricevuta dalla grande maggioranza delle partorienti. Vi sono però alcune rare condizioni nelle quali non è possibile eseguirla.

Una visita specialistica con l’anestesista servirà a chiarire eventuali dubbi. Verrà valutato lo stato di salute della futura mamma e si evidenziaranno i suoi eventuali problemi clinici prendendo visione degli esami in possesso della paziente. In questa occasione verrà anche richiesto ilconsenso informato scrittoa ricevere l’analgesia epidurale.


design ImprontaWeb